Il team building sociale

Il team building con Antoniano –
Scopri come la tua azienda può fare squadra
a sostegno di una buona causa

Il Team Building

Cosa s’intende per Team Building?

Con l’espressione team building ci si riferisce a diverse tipologie di attività volte ad espandere e ampliare le relazioni sociali all’interno di un gruppo. L’obiettivo del team building quindi è quello di migliorare le relazioni interpersonali tra colleghi in modo da migliorare il benessere dei dipendenti e la produttività dell’azienda. 

Ecco 5 ragioni per cui ogni azienda dovrebbe interessarsi al teambuilding.
1. Il team building migliora il coinvolgimento dei dipendenti.

Avere dei dipendenti coinvolti è indice di quanto si preoccupano della mission dell’azienda e quanto sono disposti a lavorare per garantirne il successo. Secondo Gallup, una società americana di analisi e consulenza, circa il 70% dei lavoratori americani non da il meglio di se stesso sul posto di lavoro e questo, continua la ricerca, può costare all’economia americana circa 500 miliardi di dollari ogni anno (fonte sitoweb Gallup).

2. Dipendenti maggiormente coinvolti migliorano la produttività dell’azienda.

Uno studio del Kenexa Research Institute sottolinea nuovamente l’importanza di avere all’interno dell’azienda dei dipendenti coinvolti.

3. Attraverso il team building puoi attrarre / trattenere i migliori dipendenti

Forbes in un articolo del 2016 sottolinea che sempre più spesso, i lavoratori quando applicano per una posizione lavorativa non valutano solo lo stipendio ed eventuali benefit, ma sono sempre più interessati a relazionarsi con l’ambiente di lavoro e sentirsi parte di un gruppo, di una squadra che si rimbocca le maniche e lavora tutti insieme.

4. Il teambuilding migliora la comunicazione

Il Human Dynamics Laboratory del MIT ha condotto uno studio per osservare le differenze tra i team più performanti e quelli meno performanti. Il punto focale dello studio erano i modelli di comunicazione tra i dipendenti. MIT ha scoperto che la quantità di interazione di persona tra i colleghi ha avuto un impatto enorme sulle loro prestazioni. Di conseguenza, il team building è uno dei modi migliori per facilitare la comunicazione tra i dipendenti, influendo direttamente sul successo del team.

5. E’ il migliore investimento che un’azienda può fare.

Investendo nel team building, contribuirai a migliorare drasticamente il tuo impegno tra i tuoi dipendenti, a sviluppare la fiducia tra di loro, a mitigare i conflitti, a ridurre lo stress, a rafforzare il morale e a facilitare un migliore lavoro di squadra in ufficio.

Le attività di team building sono una vittoria per tutti. I dipendenti si sentono apprezzati e godono di un’esperienza nuova al di fuori del luogo di lavoro, si sentono più a loro agio l’uno con l’altro e il loro livello di coinvolgimento aumenta, aumentando l’efficienza sul posto di lavoro e avvantaggiando i profitti dell’azienda.

I vantaggi per l’azienda:

1) Rafforza il senso di appartenenza e l’identità aziendale

2) Incentiva la produttività

I vantaggi per i dipendenti:

1) Stimola la creatività e la motivazione

2) Migliora la soddisfazione dei lavoratori

Perchè scegliere Antoniano

Le attività di team building che realizziamo si svolgono negli stessi spazi in cui ogni giorno accogliamo adulti, mamme, papà e bambini in difficoltà. La condivisione degli spazi ha un valore simbolico forte: non esistono luoghi riservati a chi vive in una situazione di bisogno. All’Antoniano la tavola a cui sediamo è la stessa per tutti: qui si azzerano differenze di ruolo, di classe, di credo o di genere. Per questo ogni giorno in mensa mangiano ospiti, volontari, dipendenti, operatori tutti insieme nella stessa tavola. È anche attraverso la condivisione che chi vive in difficoltà può riacquistare fiducia in se stesso e una speranza nuova per ripartire.

Il team building in Antoniano

Scuola di Cucina

Grazie alla collaborazione con alcuni dei migliori chef del territorio bolognese possiamo realizzare lezioni di cucina di alto livello. Per farti un’idea dei corsi di cucina che ogni anno realizziamo, dai un’occhiata al calendario dell’edizione autunnale dei corsi della scuola di cucina di Antoniano con Alce Nero.

Volontariato Aziendale

Il volontariato è un’esperienza umana unica, dove il contatto diretto con la povertà e con la dignità di chi vive in difficoltà, diventa un momento di arricchimento personale e professionale.

 

La testimonianza di chi lo ha fatto:

“I dipendenti di tutto il Gruppo hanno avuto la possibilità di partecipare al progetto di volontariato aziendale e i ritorni sono stati toccanti ed emozionanti. L’esperienza vissuta da tutti è stata profonda e appassionata. Ringrazio il Gruppo per averci dato l’opportunità di contribuire, pur nel nostro piccolo, a donare un po’ di felicità a persone bisognose e in difficoltà.”
Simona Ruggieri
Eventi e Sponsorship Gruppo Unipol

Insieme al gruppo Unipol, sono tante le aziende che hanno scelto Antoniano per le loro attività di coinvolgimento dei dipendenti.

Nello specifico:

Per ulteriori informazioni sui team building con Antoniano e per costruire il format più giusto per te e per la tua azienda chiama lo 051/3940254
o scrivi a Sara Boschetti o Martina Argiolas cliccando sui bottoni che vedi qui sotto

Tutto il ricavato dell’attività di team building verrà destinato ai progetti di solidarietà realizzati da Antoniano. Ti aiuteremo a scegliere il progetto che preferisci e ti spiegheremo, con dettagliate rendicontazioni, l’impatto prodotto dalla tua azienda sul progetto scelto. In questo modo potrai condividerlo con i tuoi colleghi.

Ecco alcune delle storie che ci piace raccontare:

Turi

Turi ha 66 anni e viene dalla Sicilia. A Bologna lavora come custode in una biblioteca del centro. È il tuttofare: ripara ciò che si rompe, sistema i libri e pulisce le aule. Tuttavia, nel giro di qualche anno, la biblioteca chiude e Turi viene licenziato. In pochissimo tempo la sua vita precipita: non riesce più a pagare l’affitto e poco dopo finisce col vivere in strada.

Da qualche mese Turi è un ospite di Antoniano. Qui trova una mensa dove può mangiare un pasto caldo in compagnia di altre persone. In mensa, Turi ha ricominciato a sentire l’odore di casa e il calore di una famiglia. Ha iniziato a partecipare ai laboratori d’arte e ha scoperto che gli piace molto creare piccoli oggetti in rame: anelli, orecchini, bracciali. Oggi ha un laboratorio di artigianato tutto suo dove insegna la sua arte agli altri ospiti della mensa. Ora Turi è felice, perché ha ricominciato a sentirsi utile e ha ritrovato la speranza di una vita nuova. È bello vedere come scherza con i volontari, come parla con gli altri ospiti che ormai conosce bene

Isabella

Isabella ha 5 anni e ha la sindrome di Down. Per poter crescere autonoma ha bisogno di costose terapie che i suoi genitori non si possono permettere. Per questo, tre anni fa decidono di affidarsi al Centro Terapeutico di Antoniano Insieme, che offre cure gratuite a bambini con fragilità.

Isabella viene nel Centro ogni lunedì ed ogni mercoledì per passare un’ora con Annalisa, la sua logopedista. Qualche volta esce dalla stanza di logopedia un po’ stanca perché gli esercizi che Annalisa le fa fare sono difficili e si deve concentrare molto. Altre volte invece si diverte, perché disegna quello che le piace. Una volta Annalisa le ha chiesto di disegnare ciò che le piace di più al mondo, ed ha disegnato Gabriella, la sua mamma. Oggi, Gabriella e suo marito sono felici, perché sanno che Isabella è seguita da operatori specializzati che le consentono di crescere serena e superare le sue fragilità.

Baahir e Maryam

Baahir e Maryam vivono in Siria. Una notte, quando una bomba distrugge la loro casa, sono costretti a fuggire. Dopo diversi anni in Giordania, vengono trasferiti a Bologna, assieme ai loro bimbi, Yazir e Ammar. Quando Baahir e Maryam sono arrivati in Italia erano soli e non sapevano a chi chiedere aiuto. Ad accoglierli è Antoniano che li sostiene nel loro percorso di rinascita.

Oggi, grazie all’aiuto dei nostri operatori, Baahir e Maryam sono più sereni perché hanno una nuova casa e i loro bimbi hanno ripreso a giocare e ad andare a scuola.